Tutorial: come volare
26-12-2019 • Nerd • di Marco R
Durante queste vacanze natalizie ho deciso di diventare davvero bravo in qualcosa. Ho pensato a tutte le cose nelle quali si può essere bravi e dopo averci riflettutto ho scelto. Era davvero una lista lunga, potevo iniziare a studiare per prendere 10 nella prossima verifica di latino, potevo iniziare ad andare in palestra per pomparmi un po', ma alla fine ho deciso di iniziare la costruzione dell'aeroplanino di carta più veloce del mondo.

Dovete sapere che una delle mie ambizioni più impossibili è sempre stata quella di vincere una gara mondiale. Credo che gli sportivi più furbi siano quelli che scelgono uno sport poco praticato così da avere più possibilità di vincere. Ecco perchè mi sto esercitando per vincere i prossimi mondiali di aeroplanini di carta.
Se pensate che non esistano vi sbagliate di brutto. Questa gara si chiama Red Bull Paper Wings, l'ultima finale è stata a Salisburgo, in Austria, ed è il futuro dello sport. Esistono tre diverse competizioni:

DISTANCE
Vince l'aeroplanino che compie la distanza più lunga, campione in carica è Jake Hardy, USA, per un totale di 56,61 metri

AIRTIME
Vince l'aeroplanino che sta in aria per il maggior tempo possibile, l'ultima medaglia d'oro è di Cameron Clark, Australia, tempo di volo: 13,33 secondi

AEROBATICS
È la gara per fenomeni, consiste nel realizzare un aereo capace di fare particolari skills, verranno poi giudicate da una giuria in base a quanto sono spettacolari.
La capionessa è Kateryna Ahafonova, Ucraina.
Non so ancora quale potrebbe essere la disciplina più adatta a me, quindi, escludendo aerobatics che non mi attira molto, ho scelto di costruire un aereo che potesse andare bene per entrambe le altre gare, così almeno in una posso provare a vincere. Ammetto che il modellino dell'aereo non è inventato da me. Esistono diversi canali youtube dove potete trovare tutorial di ogni tipo. Ho provato a realizzare più di 20 aeroplanini e per il rapporto qualità-difficoltà il migliore che ho trovato è il QZ-123. Vi lascio la scheda tecnica che ho realizzato su una scala da 1 a 5 punti:

DIFFICOLTÀ: 2
ATTERRAGGIO: 3
VOLO: 4
VELOCITÀ: 5
BELLEZZA: 4
È l'aereo perfetto per ogni occasione, l'unico che si appresta a moltissime modifiche e custom. Linee severe, taglienti, che imprigionano l'aria e con un minimo attrito permettono al modellino di scagliarsi con tutta la sua potenza verso il cielo. Basta alzare verso l'alto le ali e l'aereo si trasformerà da sport a comfort, non volerà più come un missile ma come un aliante e si poserà a terra con un atterraggio impeccabile, lento e pulito, roba da applauso.

Da tenere in considerazione è la condizione del terreno di volo. Quelli di carta sono aerei ultra sensibili e ogni minimo soffio di vento potrebbe farli precipitare. All'aperto non rendono al meglio, l'ideale sarebbe farli correre in uno spazio neutro, al chiuso e senza spifferi d'aria. Ma se a casa non avete un hangar fatto apposta allora potete accontentarvi anche di una bella giornata di sole. Ecco i miei appunti di volo.
Detto ciò concludo con la cosa più importante: l'aereo non è tutto! Una della parti più importanti del volo infatti è il lancio. Lanciare bene significa guadagnare 10 metri, quindi dopo avere realizzato il vostro modellino potete provare i vari lanci. Solo così capirete le giusta posizione di braccia e mani, l'angolatura degli arti e la potenza da imprimere al tiro per fare andare l'aereo il più lontano possibile.

Comunque Natale è appena passato e io a questi mondiali ci tengo davvero molto. Quindi ho deciso di farvi un regalo. Qui sotto vi lascio il tutorial che io ho seguito per costruire il mio aereoplano. Se qualcuno di voi dovesse iscriversi ai mondiali e vincerli grazie a questo articolo sapete dove trovarmi, io vi aspetto. Buon volo verso il 2020!!!!

Whoops..

Testo del messaggio