Il canottaggio
Il canottaggio. Ecco come ho iniziato ad andare in barca
01-07-2021 • Pop • di Matteo
Il canottaggio è uno sport particolare, poche persone lo conoscono ma fa davvero vivere un sacco di emozioni. Tutto parte da un attrezzo strano che molti neo canottieri odiano: il simulatore di voga. È proprio nei primi allenamenti che si impara a stare alti con la schiena e a spingere con le gambe. All'inizio si utilizzano barche pesanti, con le quali è praticamente impossibile ribaltarsi, poi diventano sempre più complicate da gestire, infatti è molto facile scuffiarsi o ribaltarsi, a me è capitato diverse volte e vi assicuro che cadere a marzo non è per niente divertente!
Andando avanti con il tempo si iniziano a fare tratti sempre più lunghi e "tirati" per poi passare alle uscite al mattino presto, anche alle 5.30 di mattina! Le prime gare però sono davvero emozionanti e ti ripagano di tutta la fatica fatta in allenamento. Le gare vengono percorse su due chilometri e solitamente partecipano al massimo otto equipaggi.

Poi, una volta arrivati sul campo gara, si montano le barche, si lasciano sui cavalletti e si aspetta, si aspetta, si aspetta davvero un sacco. Quando però sei allineato con gli altri e senti il giudice urlare "Attenzione, via!", è proprio in quel momento che devi dimostrare tutto quello che hai imparato. Vogare e non arrendersi mai!
Credits: Illustrazione di Claudia