News dall'Alternanza
Noemi
06-05-2018 • Detective • di Marco R

Ciao ragazzi, anche oggi siamo qui per tenervi aggiornati su come sta andando l'Alternanza nelle nostre scuole. Il nostro scopo sarebbe di raccogliere più storie possibili, non per dire che l'alternanza è giusta o sbagliata ma semplicemente per raccontare e dire come la pensiamo. Oggi Noemi, 16 anni da Ravenna ci racconta la sua esperienza.

Ho sentito parlare dell'alternanza scuola-lavoro in tutte le salse prima di riuscire effettivamente a capire cosa fosse. In realtà non mi è perfettamente chiaro nemmeno adesso, in terza al Liceo Scientifico, dopo aver fatto una prima esperienza. Il mio punto di partenza era una recensione generale di linea piuttosto negativa, costituita da sporadici "non serve a niente" e più numerosi "non c'entra con quello che vorrei fare un giorno". Eppure, quando all'inizio dell'anno la prof referente ha annunciato il tipo di esperienza che aveva in mente per la mia classe, sono rimasta piuttosto colpita (e lo sono ancora).

Siamo andati in gita a Strasburgo per assistere alla sessione plenaria del Parlamento Europeo, dove abbiamo anche finto di essere deputati dalle diverse opinioni politiche e cercato di far approvare un emendamento. Ora, francamente, nemmeno io mi aspetto di diventare un deputato europeo, né tanto meno questa esperienza si avvicina a ciò che immagino nel mio futuro. Di sicuro però è stato interessante e mi tornerà utile in qualche modo; per esempio ho imparato a scrivere un curriculum in formato europeo e ho capito che la politica non fa per me. L'unico lato negativo, forse, è il numero complessivo di ore che dobbiamo affrontare, che in un modo o nell'altro tolgono tempo all'infinito programma scolastico che sono sicura conosciate anche voi.
Volendo riassumere: ancora non vi saprei spiegare in che modo un giorno qualcuno possa riconoscerci ufficialmente tutte queste ore di alternanza, ma sono contenta di avere l'opportunità di fare questo tipo di esperienze prima di cominciare davvero a lavorare, semplicemente per capire che il nostro futuro non è poi così lontano come sembra adesso.

Questo è quello che pensa Noemi e se anche voi avete qualche storia da raccontarci, volete dirci come sta andando la vostra alternanza, lamentarvi o essere felici per qualcosa...scriveteci a radioimmaginaria@gmail.com! Alla prossimaaaaaa

Whoops..

Testo del messaggio