Il rapimento di una fangirl
10-04-2021 • Nerd • di Sofia A
Okay, fermi tutti.

Avete letto il titolo, ma nessuno rapirà nessuno oggi. E non parlerò nemmeno di rapire qualche attore o attrice per costringerli a diventare i nostri fidanzati, o di darci una parte nel loro prossimo film.

(Ovviamente io non ci ho mai pensato. E sicuramente non me lo sono appena appuntato nella lista delle cose da fare).

In realtà parlerò di qualcos'altro, che però ha sempre a che fare con le fangirl (o i fanboy) ed i rapimenti. Perciò se siete uno di loro o volete sentire un consiglio utile nel caso in cui qualcuno vi rapisca, be', allora continuate a leggere.

Qualche giorno fa stavo pensando a cosa potrei fare nel caso in cui venissi rapita, come facciamo un po' tutti. Ehi, potrebbe sempre succedere.

Magari in un bel giorno di primavera, dopo aver passato la giornata insieme ad un tizio di nome Tazio andrò in una farmacia perché dovrò prendere una medicina per mio padre e verrò presa come ostaggio. (Vi ho risvegliato un ricordo? Se avete capito la citazione scrivete una mail a [email protected]).
Comunque, in quel caso, visto che ancora non sono stata morsa da un ragno radioattivo e nessuno mi ha ancora regalato una tuta per rimpicciolirmi, dovrò cavarmela da sola. Ci ho pensato per un po', ma poi mi è venuta un'idea geniale.

Mi sono ricordata che io ho un superpotere! Sono una fangirl! E, in più, ho una bella parlantina. Questa combinazione mi permetterà di sconfiggere i miei rapinatori.

Come?

Be', semplicemente dovrò pensare ad una delle mille saghe che seguo e raccontare la sua trama ai miei rapitori. Tutta la trama.

Immaginate di essere dei rapitori e di aver sequestrato una ragazzina credendo che dopo qualche giorno la sua famiglia avrebbe pagato il riscatto e che sareste diventati ricchi.

Be', quanto tempo resistereste se iniziassi a parlarvi del Marvel Cinematic Universe? Sapete, sono 23 film, più due serie tv. Per ora. Posso anche recitarvi a memoria alcuni dei film.

Io vi do due ore al massimo, poi mi restituirete subito alla famiglia e scapperete in Alaska.
Okay, okay, sono una Corvonero, perciò non posso proprio ignorare la grande falla del mio fantastico piano. Il nastro adesivo. Perché sì, qualunque rapitore che si rispetti dovrebbe avere un rotolo di nastro adesivo.

Okay, no, fate come se non l'avessi scritto. Non voglio dare consigli a dei potenziali rapitori. (Però diciamocelo, se non lo sapevate che razza di rapitori siete?)

Comunque, quello che farei se avessi a che fare con dei rapitori competenti e li vedessi tirare fuori lo scotch, cercherei di arrivare ad un punto interessantissimo e di lasciarlo in sospeso, chiedendogli, magari sbattendo le ciglia con fare innocente: "Non volete sapere come va a finire?".

Nel caso sceglieste di parlare del Marvel Cinematic Universe vi consiglio di fermarvi alla fine di Infinity War. Il successo è garantito.

Quindi, amici nerd e non nerd, questa è la mia perla di saggezza per voi. Usatela con giudizio, ma non mettetevi in situazioni pericolose solo per vedere se funziona. Ve lo dice una che ci ha prova... no, meglio se questo non lo dico.

Alla prossimaaa.

illustrazione di Elena