La playlist dei theAntigiornalisti
07-04-2021 • Pop • di theAntigiornalisti
Bella regaz! Bentornati o benvenuti sul sito di Radioimmaginaria e quello di oggi è un articolo speciale.
Recentemente Viola e Gek, i vostri redattori musicali di fiducia, sono stati raggiunti da altri 3 nuovissimi regaz redattori musicali per formare una grande banda di stonati per scrivere tantissimi articoli: grazie all'arrivo di Madda, Cerry e Ambra si sono formati i theAntigiornalisti. Amiamo la musica di ogni tipo, ognuno di noi ama generi diversi, ma tutti proviamo una certa avversione per i thegiornalisti. Quindi l'unico nome che potevamo trovare era questo.
Per presentarci come collettivo ai nostri bellissimi lettori, abbiamo deciso di presentarci e di parlare della nostra canzone preferita del momento, per far sì che la musica parli anche per noi. Poi anche perché abbiamo dei gusti musicali che spakkano. Ce n'è per tutti i gusti, fidatevi. Ma ora bando alle ciance, cominciamo!

Gek, 18 anni, Sanremo (IM)
I Cani - Hipsteria
Ciao a tutti, io sono Gek (non Giacomo, non Jacopo, non Jack... Gek, con la E chiusa) e non amo esprimermi così platealmente in prima persona. Non che sia timido, ma va dai su, alla fine sono solo un belinone che prova a dare senso alla sua vita organizzandosi e ponendosi obiettivi. Parlando di musica, nella vita oltre ad andare a scuola suono la chitarra con la mia band di scappati di casa.

Nonostante il tempo scarseggi, una piccola porzione di giornata è sempre destinata all'ascolto di Musica, quella che ti emoziona pesantemente. Di base mi concentro prevalentemente sul rock (mi piace sentire i chitarristi forti, quelli bravi, i miei beniamini insomma), ma in realtà spazio un po' ovunque: ho ascoltato rap per molto tempo e talvolta mi ascolto del sanissimo cantautorato. Ma c'è da dire che sono molto affezionato anche alla musica Indie: e non sto parlando di Gazzelle e Calcutta pff... io parlo di artisti così Indie che probabilmente non li conosce nemmeno la loro mamma.

Oggi, dovendovi dare un buon consiglio e quasi a un anno di distanza dal mio articolo interamente su di lui/loro, vi lascio una Canzone con la C maiuscola che si chiama Hipsteria della one man band I Cani. I Cani è il nome di un progetto così Indie che fa finta di essere una band quando in realtà c'è soltanto l'immenso e rivoluzionario Niccolò Contessa, ora produttore di Coez e Tutti Fenomeni. La canzone in questione uscì nel lontano 2011 e richiama sonorità post punk e l'alternative degli anni '00 che mi gasano un casino (nonostante non ci sia una chitarra manco a pagarla, ma lui può). Il testo invece è lo storytelling di una ragazza hipster di Roma e, come richiama la crasi del titolo, la sua "isteria". Per le spiegazioni dettagliate, Genius è pieno di riferimenti, ma già la visione del videoclip dovrebbe essere esaustiva. Nostalgici, versate le lacrime. :')
Viola, 16 anni, Castenaso (BO)
Dutch Nazari - Tutte le direzioni

Ed ora tocca a me! Ciao regaz, sono Viola e penso che la maggior parte di voi mi conosca già da un po'. Scrivo articoli sul nostro fantastico sito da ormai tanto tempo e tra tanti articoli ormai tra me e voi non ci sono più segreti (circa). Per i nuovi arrivati, invece, io sono Viola, ho 16 anni e vengo da Castenaso (un paesino vicino a Bologna). Suono il basso e l'ukulele (da autodidatta). Sicuramente mio padre mi ha contagiato la sua passione per la musica e nello scoprire sempre suoni, voci e strumenti nuovi. Sul sito mi occupo di ogni tangente della musica di oggi: parlo di notizie, nuove uscite, recensioni e sicuramente uno dei miei tipi preferiti di articolo è la playlist/vi-consiglio-delle-canzoni e oggi, con i miei amici, non mi potevo sicuramente tirare indietro.

Come pezzo del momento, ho scelto uno che descrive un po' il mio mood nelle ultime settimane: a cavallo tra marzo e aprile 2021 Bologna è stata sommersa da un'ondata di caldo e per una settimana minimo andavo in bicicletta in maniche corte (esperienza molto emozionante). Amo l'estate e per me quando si superano i 25 gradi e quando alle 19:30 c'è ancora il sole, per me abbiamo saltato la primavera e possiamo già passare a giugno. La fonte primaria della serotonina nel mio corpo è il sole e l'odore d'estate (esiste? boh, secondo me si sente nell'aria quando sta arrivando l'estate). Con questo mood molto libero, senza pensieri e interessato solo a divertirsi la canzone che ho ascoltato di più è Tutte le direzioni di Dutch Nazari. Canzone uscita ormai due anni fa, che ho scoperto tramite una riproduzione casuale di qualche brano a caso. È una canzone che mi fa proprio venire voglia di andare in spiaggia con i miei amici, di divertirmi, di viaggiare e di sparare tante cavolate insieme a loro. Il video riassume il mood che voglio avere tutte le estati. Molto probabilmente l'inno della mia estate 2021 sarà proprio questo.
Maddalena, 15 anni, Boville Ernica (FR)
Fra milioni di stelle - Brunori Sas

Eeeeehila, sono Maddalena (di solito se mi siete simpatici mi chiamate Madda), vivo a Boville Ernica (a Frosinone, non in Francia purtroppo), ho 15 anni e sogno tanto. Forse perché ho 15 anni ma penso che sì ok ma basta, non vi voglio ammorbare con queste cose. Btw, ho una certa necessità espressiva (modo carino per dire che sono logorroica) e soffro di iperattività immaginativa (altro modo carino per dire che sono nevrotica), sono pignola, stakanovista, terrorizzata dalla stasi, mi dedico con insana passione alla costruzione di scatole di cartoni e ho capito che non c'è posto per lamentarsi delle avversità. Sono il classico tipo di nostalgica (sono più o meno Gil Pender versione eco-femminista), ragion per cui ascolto canzoni, sonorità, artisti che mi ricordano il passato e, cosa importante, sotto la mia corazza da donna forte e indipendente si cela un'inguaribile romantica (in sottofondo suono di persone stupite). Già, quando sono in vena di commuovermi per una storia d'amore fatta di poesia, passione, film e crepuscoli, c'è lei, la mia certezza, Fra milioni di stelle di Brunori Sassignore e signori (applauso dalla folla).

Tanto romantica quanto triste, ad ognuno la sua verità e la sua dose di fantasia. Ognuno si costruisce il suo mondo, fatto di proprie certezze, comode, accettabili, ma va bene così, Dario non condanna, Dario descrive (la vera botta emotiva è La verità, quella sì che condanna). In tutto ciò però c'è una personalità che sopravvive al mondo che la circonda, che si aggrappa ad un angolo di cielo a guardare e tiene su la vita con un paio di bretelle. Per cui, sì DARIO BRUNORI SE STAI LEGGENDO SAPPI CHE SEI L'UNICO UOMO CHE È MAI RIUSCITO A FARMI PIANGERE, ma questo ora lo dimenticherete perché tanto il testo si autodistruggerà tra 3,2,1...
Cerry, 17 anni, San Giovanni in Persiceto aka Sangio (BO)
Keston Cobblers Club - Almost Home

Io sono Cecilia, per gli amici Cerry, quella cosi alternativa che il mio soprannome non è un legume ma un frutto (lo so che cherry si scrive con l'h, ma sono troppo anticonformista per seguire la grammatica). Metto lo smalto su una mano sola e ho più camicie che voglia di vivere. Sono quel tipo di persona che non ti darà mai ragione, neanche se sono pienamente d'accordo con te, è il mio essere capricorno che me lo impone, not my fault. Quando si tratta di musica sono sempre la critica intellettuale con la puzza sotto il naso, perchè "io ho studiato chitarra classica per 7 anni, me ne intendo, tu no", ma la verità è che non è che ne capisca poi molto, ascolto ciò che suona bene, ma non se è mainstream! Non mi vedrete mai ascoltare una canzone in testa alle classifiche! Quello che so è che tutti i miei amici mi ringraziano per avergli migliorato i gusti musicali, che ci posso fare, ormai la mia fama da guru musicale mi precede.

La mia canzone del momento è Almost home dei Keston Cobblers Club, che probabilmente conosco solo io, ve l'ho detto, evito la musica mainstream come evito di calpestare la linea che divide una piastrella dall'altra. Non ho la più pallida idea di cosa parli, lo ammetto, anche questa volta sono stata conquistata dalla chitarra acustica e dalle campanelle sul battere che ti fanno tenere il tempo, si perchè questa è proprio una di quelle canzoni folk che ti fanno venire voglia di comprare un banjo, noleggiare un vecchio van e fare un roadtrip con gli amici. E che dire follettini, ascoltatevi sta song così, quando si potrà, potremo fare un bel viaggetto insieme. <3
Ambra, 14 anni, Villadossola (VB)
Animal I have become - Three Days Grace

Ma ehilà, sono Ambra, ho tipo 34 soprannomi ma nessuno decente, quindi continuate a chiamarmi con il mio nome. Ho ormai 14 anni, lo so sono piccola ma cazzuta. Le mie passioni sono la musica e la scrittura. Suono il basso, l'ukulele e il violino. E si, sono quel tipo di persona a cui piace sdraiarsi sul suo letto, farsi film mentali sulla vita (o su qualsiasi cosa) mentre ascolta musica anni 80 e scrive qualsiasi cosa le venga in mente. Sono una sfaticata assurda, ma mettimi in mano uno strumento a qualsiasi ora e sarò felice di suonarlo. Adoro quasi tutti i tipi di musica, davvero, la mia playlist è qualcosa di assurdo, parte dalla musica rock e metal, fino a quella che farebbe piangere anche un gorilla. Aspetta, i gorilla piangono? Non lo so, ma quello che so è che ascolto musica che piace a me, e me ne frego degli altri. Forse è per questo che ho pochi amici, ma non mi importa.

Parlando di Animal I have become. È assolutamente una delle mie canzoni preferite dei Three days grace. Devo ammettere che non tutti i gruppi rock del 2000 mi fanno impazzire, ma questi quattro ragazzacci sono entrati nel mio cuoricino. E fidatevi di me, se state passando una giornata no, ascoltatevi questa canzone urlando contro il muro, e vi sentirete molto meglio, parola di scout (nessun muro è stato bullizzato in questo articolo). Ok lo ammetto forse sono un po' di parte, perché adoro quando il basso si sente molto in una canzone, e in Animal i have become si sente giusto un pochino, ma giusto poco poco eh. Ma poi vogliamo parlare del testo? ha un significato pazzesco, ti fa sentire capito. Anche solo guardando la copertina dell'album e il nome si può capire subito il significato (stiamo parlando di one x ovviamente).Ma se non ci arrivate interviene la vostra fantastica Ambra (la sottoscritta), non mi metterò a farvi la parafrasi ma in grandi linee il testo è un grossissimo sfogo, ma c'è così tanto da dire di questa canzone che é impossibile da spiegare il significato cribbio, l'unica cosa che vi posso dire è che quando ascolto questa canzone ho voglia di abbracciare il nostro piccolo Matt (il cantante).
Bene amici, questa era la nostra playlist e, come avete visto, ce n'è davvero per tutti i gusti. Voi fateci sapere su [email protected] quali sono le vostre canzoni del momento! A questo punto, ci si vede tra un articolo e l'altro. Ciaoo!!

Illustrazioni di Gabriela