Happiest Season
"Non ti presento i miei" - Natale 2020
24-12-2020 • Nerd • di Luna
HAPPIEST SEASON (o Non ti presento i miei)

Dato che siamo proprio alle porte di Natale mi sembrava appropriato trattare un tema un po' natalizio in questo articolo.

Devo ammetterlo (come se fosse qualcosa di grave poi) che io non sono assolutamente una ragazza da festività sdolcinate come quelle in cui sto per imbattermi per il sedicesimo anno di fila. Tuttavia tra i compagni di classe e di radio che sdegnavano con occhiatacce il mio essere l'incarnazione del Grinch, c'è stato qualcuno che mi ha convinto almeno a provare di entrare nell'atmosfera con un film. Sarà perché quest'anno è piuttosto particolare e quindi ho accettato la sfida.

Un titolo che mi ha incuriosito molto è il recentissimo Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis trasmesso da Hulu. Che poi cosa che non capisco ne' sopporto è quando i traduttori stravolgono il nome dall'originale film inglese a niente... perché il titolo cambia completamente che del primo non rimane ssolutamente niente. Comunque noi italiani dovremmo cercare "Non ti presento i miei" su internet.
Comunque a parte le incomprensioni date dai titoli direi di trattare brevemente la trama. Il film tratta di due ragazze Harper (Mackenzie Davis) e Abby (Kristen Stewart) che stanno insieme. E qui va bene fino a quando Harper non decide di provare a far piacere il natale alla sua fidanzata dato che solitamente in quel giorno rimane sempre da sola. Così la invita a casa dei suoi per qualche giorno in famiglia. Unico problema: Harper non ha raccontato ai suoi (che sono genitori vecchio stampo) che è lesbica. Quindi Abby viene presentata come l'amica etero e orfana che necessita un po' di allegria a Natale. E da questo punto ci saranno solo incomprensioni e situazioni imbarazanti tra ex che si fanno rivedere e conoscenti omofobi. Tuttavia non è un vero film natalizio se non c'è il classico lieto fine tutti seduti a tavola intorno al tacchino.

Beh è bene quel che finisce bene. Nel frattempo mi sono goduta un bel film a mio parere, ovviamente surreale e con un atmofera un po' melensa e insolente tipica dei film trasmessi sotto alle festività natalizie. Senza parlare dell'enorme messaggio di accettazione dei propri famigliari così come sono e della sensibilità delle categorie da sempre tralasciate sul grande schermo come in questo caso l'LGBT Q+.

Sono riusciti i miei amici a farmi piacere i film natalizi? La risposta è NO! Ma almeno questo film nel complesso non mi è dispiaciuto anzi ve lo consiglio caldamente per tenervi compagnia durante questo Natale 2020 un po' diverso dalle solite tradizioni.

Foto di Nina Ferrari