Intervista a Rosaspina
26-11-2020 • Pop • di Marco R
SASSA: Come sapete noi di radioimmaginaria siamo sempre alla ricerca di nuovi artisti infatti qui con noi c'è Rosaspina, non lo conosciamo per la canzone sette coltelli che è il suo singolo di debutto, ciao come stai?

ROSASPINA: Ciao ragazzi, io tutto bene voi?

SASSA: Bene grazie! Dove sei in questo momento?

ROSASPINA: Ora mi trovo allo stadio di San Siro!

SASSA: Allora iniziamo subito con le domande, innanzitutto da dove viene il nome Rosaspina?

ROSASPINA: Allora mi chiamo Rosaspina per due motivi, il primo è perchè volevo che il mio nome racchiudesse due opposti, quindi ho pensato la rosa, il fiore delicato e spinoso allo stesso tempo, fosse l'immagine perfetta, il secondo è che gli uragani hanno il nome di donne e il mio si chiama uragano Rosaspina!
SASSA: Ah capito, pensavo c'entrasse con il libro dei fratelli Grimm, tra l'altro abbiamo letto che per te durante l'adolescenza la scrittura è stata una valvola di sfogo, ma se ripensi un po' a quei momenti qual era la cosa che ti tormentava di più?

ROSASPINA: Allora io ho iniziato a scrivere quando ero piccolissimo, avrò avuto tipo 5 anni e diciamo che lo stimolo mi veniva da un sillogismo che sento ancora adesso, cioè quando mangio i gusti dei cibi mi ricordano da sempre la pronuncia di alcune parole, e questo lo riscontro anche quando sento i nomi di persona o alcuni timbri di voce, della serie uno mi fa "piacere Alessandro" e io sento il sapore..

SASSA: Tipo nel mio caso che sapore sono?

ROSASPINA: Mhhh vediamo, Sassa mi fa venire in mente la brioche di cioccolato con le stelline sopra zuccherose.

SASSA: Menomale almeno sono un gusto dolce, invece quali sono i momenti in cui ti viene maggiore voglia di scrivere?

ROSASPINA: Principalmente nei momenti di rabbia o di sconforto, poi magari butto giù la roba che sento anche in modo sarcastico o ironico, alla fine ognuno di noi ha diversi temperamenti ma in linea di massima il mio stampo è quello.

SASSA: Prima hai tirato fuori un discorso interessante, hai detto che tu prendi ispirazione per scrivere i tuoi pezzi anche dai cibi che mangi, ecco per noi è una cosa super curiosa! Ci fai qualche esempio?

Beh rega, questa era la prima parte dell'intervista. Rosaspina è davvero un artista super interessante! Volete ascoltare la sua intervista per intero? Cliccate la puntata qui sotto! Alla prossimaaa ;)