Bernice A. King
She still has that dream
16-10-2018 • • di Ludovica Luvi F
"I have a dream that my four little children will one day live in a nation where they will not be judged by the color of their skin but by the content of their character."

I think at least one time in our life we all have heard the iconic "I have a dream" speech by Martin Luther King. Well, these last few days in Bologna we participated at Bridges of Peace, an event organized by the Archdiocese of Bologna whose main goal is to promote peace through a series of meetings in all the city.
Immagine temporaneamente non disponibile
So yesterday evening I and Alice went to one of these meetings.
The main guest was Bernice A. King, one of the "four little children" of Martin Luther King Jr. She's a Christian pastor and CEO of the King Center. In this meeting, she talked about fighting against injustice through non-violent methods, just like what her father did.

She is truly an inspirational woman and she said such interesting things that we had to interview her. But we didn't know how to do it. Well, in the end, we got lucky and we managed to do it! But now I'll stop talking and I'll let you hear the interview instead!
Luvi: How is 2018 racism different to the one your father used to fight and try to defeat?

Bernice: "Well, the difference is that we have laws and certain places now that can be utilized to prosecute people and we have further validation and strengthening of the First Amendment Right. To protest in America was very dangerous when my father was living, you could be arrested just for walking down the sidewalk to protest something. Today there are laws, at least in our country, where you can have permits to protest, to demonstrate, and as long as you do it with dignity and respect the police will protect you. In terms of the number of hate crimes, they have raised in the past years, but [before] the hate groups and individuals that were part of those hate groups had the reinforcement often times of the law enforcement all around the country and they had white citizens who cooperated by doing nothing themselves. There are many citizens in many nations now crossing ethnically and culturally and racially who are working together in coalitions against injustices in a way that didn't happen before. There were some in the 50s and 60s, there were whites who joined, Jews who joined, but it wasn't a lot. Now, it seems as if there are more, and I know that in our country, in America, there are more white people who are standing up with signs saying "Black Lives Matter". That was really unheard of back then. So I see a tremendous difference, I'm excited about the possibilities of a transformation! That's not gonna be easy and it may not be immediate, but there will be some incremental changes and ultimately I think some greater changes."
Immagine temporaneamente non disponibile
Alice: "So, since we are the radio of teenagers, we wanted to ask you: how were your teenage years? You carry this important surname so how has this changed your teenage years? Tell us about it"

Bernice: "[laughs] Well you know my mother raised us in a very normal way, we didn't have bodyguards, I hung out with my friends...I will say in my teenage years I drank some, probably shouldn't have, but I did. But you know, it [the surname] didn't really affect me as much because my mother wanted us to come into our own, without the pressure of "you have to do this or that". She always used to tell us "Whatever you do with your life, always be your best self", she never said, "You have to stand up and fight for freedom and justice". Although she taught us about what they fought for in the 50s and the 60s (and I was born in the 60s), she shared with us a lot of times about their different campaigns and the teachings. So, as a result of that, as I got to be a little bit older I began to really come back to it, probably more devoted than I was when I was a kid because when I was a kid I would get into fights, honestly. And she used to say "Somebody's gotta cut off the chain of violence", of course, I didn't quite understand that back then, but now I understand that the somebody is me. That I can't participate in the violence, but I had to be a facilitator of trying to bring about a peaceful solution."
Immagine temporaneamente non disponibile
Luvi: "Today you talked about how to fight injustice with non-violent methods, we know that sometimes the other part we are trying to fight against is not really open to dialogue and on the other hand sometimes violence can be a more loud method for being heard: how do you pursue your fight for peace with non-violent methods?"

Bernice: "Well I think you need to scrape through the principles of non-violence. Being courageous, making sure that you are not trying to destroy or defeat or diminish the other person, but you are really trying to address the injustice, that's very important. That you choose methods that are out of heart and love and not hate, hostility, that you find ways, and that's where the direct action comes in. If they don't wanna talk, you have to be creative in your direct actions to bring some pressure. And you have to make it where you understand what is it that will make a person come to a table, and it's different for different people. In businesses sometimes it's the bottom line, and so you're not necessarily trying to put them out of business but if you know that that is what's important to them in order to get them to finally say "Wait a minute, I need to talk to these people" you may have to boycott some kind of business, and that's really what's important. So, discovering in your information gathering where their vulnerable spot is, it's what's important if they don't want to have the dialogue."
ITA

Luvi: "In che cosa è diverso il razzismo del 2018 rispetto a quello che combatteva tuo padre?"

Bernice: "La differenza principale è che ora abbiamo delle leggi e certi posti che possono essere utilizzati per denunciare le persone e che abbiamo un ulteriore rafforzamento del diritto del Primo Emendamento. Manifestare era molto pericoloso all'epoca di mio padre, potevi essere arrestato mentre protestavi camminando sul marciapiede. Oggi invece ci sono leggi, almeno nel nostro paese, per cui puoi avere dei permessi per protestare e manifestare, e almeno, se lo fai con rispetto e dignità, la polizia ti protegge. Per quanto riguarda il numero di crimini, questi sono aumentati negli ultimi anni, ma [prima] questi gruppi che disseminavano odio e gli individui che ne facevano parte avevano l'appoggio sia della polizia in tutto il paese che di moltissimi cittadini bianchi, che davano una mano non facendo assolutamente niente. Adesso invece, ci sono moltissimi cittadini in moltissime nazioni che si incrociano sia culturalmente che etnicamente e che lavorano tutti insieme in delle coalizioni che combattono l'ingiustizia. Questo prima non succedeva! Ce n'erano alcuni [di questi gruppi misti] , negli anni 50 e 60, c'erano dei bianchi che si univano a loro, degli ebrei che si univano a loro, ma non erano molti. Ora invece sembra ce ne siano molti di più, ora so che nel mio paese, in America, ci sono dei bianchi che sollevano cartelli con scritto "Black Lives Matter" ("Le vite dei neri importano"). Al tempo non si era mai sentita una cosa del genere. Quindi io ci vedo un'enorme differenza, e sono eccitata dalle possibilità che ci sono di trasformazione! E non sarà facile e potrebbe non essere immediato, ma ci saranno dei piccoli cambiamenti che alla lunga diventeranno grandi cambiamenti."

Alice: "Siccome siamo la radio degli adolescenti vogliamo chiederti: com'è stata la tua adolescenza? Ti porti dietro un cognome molto importante, come ha cambiato la tua vita da ragazza? Raccontaci un po'!"

Bernice: "[ride] Beh, nostra madre ci ha cresciuto in una maniera molto normale, non avevamo i bodyguard, stavo tranquillamente con i miei amici...Devo dire che da ragazza ho bevuto un po', forse non avrei dovuto, ma l'ho fatto. Ma in realtà [il cognome] non mi ha veramente influenzata perché nostra madre voleva che crescessimo da sole, senza avere la pressione del "devi fare questo o quello". Ci diceva sempre "Qualunque cosa facciate nella vostra vita, siate sempre la forma migliore di voi stessi", non ci ha mai detto "Dovete scendere in campo e lottare per la libertà e la giustizia". Però ci ha insegnato per che cosa avessero lottato loro, negli anni 50 e 60 (io sono nata negli anni 60), ci ha parlato un sacco di volte delle loro varie campagne e gli insegnamenti. Per questo, come risultato, man mano che sono cresciuta, ho cominciato veramente a ritornarci sopra a quelle cose e mi ci sono dedicata di più rispetto a quando ero una ragazzina, perché da ragazzina onestamente facevo delle risse. E mia madre ci diceva "Qualcuno dovrà mettere fine a questa catena di violenza" e chiaramente non l'avevo capito molto bene al tempo, ma ora so che quel qualcuno sono io. Che io non potevo essere partecipe di quelle violenze, ma dovevo essere mediatrice e cercare di far uscire una soluzione in modo pacifico."

Luvi: "Oggi hai parlato del combattere l'ingiustizia attraverso metodi non-violenti ma noi sappiamo che spesso la parte contro cui stiamo combattendo non è aperta al dialogo e d'altra parte qualche volta i metodi più violenti sono quelli che riescono a farsi sentire di più: come si può ottenere la pace attraverso metodi non violenti in questi casi?"

Bernice: "Penso che si debba andare a vedere nei principi della non-violenza. Essere coraggiosi e assicurare che tu non stai cercando di distruggere o sconfiggere o sminuire l'altra persona, ma stai prendendo in causa l'ingiustizia in sé, e questo è molto importante. Assicurarsi di scegliere dei metodi di protesta che vengano dal cuore e dall'amore e non dall'odio o dall'ostilità, e assicurarti di trovare un modo pratico per farlo, ed è qui che entra in gioco l'azione diretta. Se non sono disposti a parlare, dovete essere creativi nel trovare modi che mettano pressione. Dovete essere sicuri di quali sono i metodi che riusciranno a portare certe persone a sedersi ad un tavolo con voi, e sono diversi per diverse persone. Nel business è la base: non è che stai cercando di mandarli in rovina ma se sai che una certa cosa è abbastanza importante per loro da fargli dire "Aspettate un attimo, voglio assolutamente parlare con questi" potresti dover boicottare qualche business, questo è l'importante. Quindi dovete capire dalle informazioni che avete raccolto quali sono i punti vulnerabili, questa è la cosa importante se volete avere un qualche tipo di dialogo."