Dietro il muro
Rosario Esposito la Rossa
05-11-2020 • Detective • di Eleonora
Bella rega, da oggi mi prendo la responsabilità di raccontarvi libri di ogni genere. A me leggere piace davvero moltissimo e a proposito di lettura l'altro giorno mi è arrivato un libro davvero speciale. Si chiama "Dietro il muro", l'editore è Einaudi ragazzi ed è stato scritto da un tale chiamato Rosario Esposito La Rossa, probabilmente questo nome potrebbe non dirvi nulla ma in realtà è molto importante perchè lui è il primo libraio di Scampia. E proprio Scampia è una realtà importantissima per la nascita di questo libro, lo si capisce già dalla copertina dove c'è scritto chiaro e tondo, ancora prima del titolo, MADE IN SCAMPIA
Bando alle ciance, ciancio alle bande, appena l'ho aperto ho subito pensato "che beeeello, avevo proprio bisogno di un libro che mi facesse capire quanto il mondo è orribile". La storia infatti non è esattamente delle più felici, o meglio, le storie. L'intero libro infatti è composto da dieci racconti che parlano di attualità e di realtà e il muro stesso diventa una metafora dietro la quale si nascondono le nostre debolezze.

"Dietro ogni muro c'è una storia interrotta, una speranza tradita, una ferita non rimarginata. Dietro ogni muro c'è un bambino che cresce con gli occhi fissi su una barriera. A nulla varrà il filo spinato, inutili le guardie armate: che sia per fuggire dalle bombe, per salvare sua madre o per poter trovare acqua potabile, il bambino raggiungerà il muro. E con lui altri, che non vogliono dimenticare se stessi. O soltanto non vogliono morire."
I fatti, le vite e le storie dei protagonisti, sono narrati da bambini e ragazzi qualcuno si svolge nell'arco di due ore, altri raccontano persino quarant'anni di storia. E la cosa più bella è che gli stessi protagonisti sono tutti coinvolti in quello che succede e ne subiscono le conseguenze. Avete presente quando prima vi avevo detto che non serviva un libro che raccontasse quanto è orribile il mondo?

Beh alla fine mi sono dovuta ricredere perchè questo libro non parla di quanto sia brutto vivere ma lancia un bellissimo messaggio di speranza e rinascita. Una cosa che mi ha lasciata sbalordita infatti è che i finali praticamente non vengono raccontati, ma sta a noi scoprire cosa succederà, e credo sia giusto fare scoprire a noi ragazzi che nel corso della nostra vita gli ostacoli ci sono e ci saranno sempre, ma dobbiamo essere noi a superarli e tornare a correre. Beh insomma se non l'avete ancora capito ve lo consiglio! Fateci sapere se questa recensione vi è tornata utile e soprattutto se l'avete letto diteci anche voi cosa ne pensate.

Alla prossima, ciauuuu!

Foto di Nina Ferrari