5 Peggiori Universi Cinematografici in cui Vivere
Evitare di trasferirsi qui per evitare una morte dolorosa
13-08-2020 • Nerd • di Luna
Dai sotto sotto almeno una volta nella vita a tutti sarà venuto da pensare: uff che brutto che è il mondo reale, vorrei andare a vivere in universo cinematografico! Bella idea fino a quando non ti ritrovi sul serio a fare una lista di ogni saga possibile e scopri... che fanno tutte schifo. Già infatti, sono invivibili. Prendete Harry Potter: se siete dei maghi sarete costretti ad andare ad Hogwarts che come abbiamo già constatato non è affatto sicura (piccolo link per quelli rimasti indietro) mentre se siete babbani dovrete vivere nella costante paura che un tizio di nome Lord Senzanaso venga ad organizzare una grigliata estiva a casa vostra, per divertirsi un po' (con voi). Prendete ora Percy Jackson, altra saga diciamo con "violenza moderata"; bisognerebbe vivere in un mondo dove se appena un dio decidesse che è arrabbiato con il mondo, quest'ultimo avrebbe seri problemi. E poi è come se ci fossero delle accademie (e i fan più accaniti della serie letteraria possono confermare che esistono eccome) che insegnano a ogni singolo mostro l'arte del conquistare il mondo per poi distruggerlo... bah, solo non fa per me.

Quindi ci siamo chiariti, no?! A meno che non scegliate un universo per marmocchi, le opzioni per chi è un po' cresciuto diventano deludenti. E dato che io non posso andare a letto senza pormi domande assurde ecco che nel bel mezzo tra un colpo di calore e una ronzata di zanzare notturna mi sono chiesta: ma quali sono le peggiori saghe in cui vivere?
Alla numero 5: Darkest Minds

Saga un po' di nicchia ma che trovo molto appassionante. La trama ruota intorno al fatto che 6 anni prima degli eventi un virus ha sterminato il 98% dei bambini ed adolescenti. I sopravvissuti hanno iniziato a sviluppare capacità soprannaturali che possono essere divise in 5 poteri ricorrenti. Non è tanto inquietante il fatto che 98 bambini su 100 siano morti, o che a degli innocenti gli sia stata stravolta la vita, ma quanto le risposte dei governi che hanno preso i sopravvissuti e li hanno internati in campi di lavoro. Senza giovani l'economia non gira e quindi tutto il mondo, specialmente il Nord America è diventato un luogo quasi post-apocalittico.

Alla numero 4: The 100

The 100 è una serie di libri con relativa trasposizione cinematografica ambientata in un mondo post apocalittico in cui il resto della razza umana vive su un arca nello spazio. A 100 ragazzi che hanno commesso un crimine viene concessa la grazia a patto che scendano sul suolo terrestre per valutare se le radiazioni sono ancora letali. Scesi dal modulo lo spettacolo che si ritrovano non è proprio come si erano immaginati grazie alla consapevolezza di essere circondati da insidie e nemici.

Alla numero 3: Hunger Games

A parer mio un capolavoro letterario, tuttavia l'atmosfera non è una della più amichevoli. Lo stato di Panem in cui vivono tutti i personaggi è governato da un rigido stato di polizia. La capitale Capitol City (non si sono sprecati molto con i nomi) gode del lusso mentre il resto dei 12 distretti è costretto a lavorare e a morire di fame. Una volta all'anno 2 ragazzi per ogni distretto vengono scelti per fare gli Hunger Games, ovvero uno show dove i tributi di devono uccidere fra loro mentre vengono filmati. Se ti ribelli: muori; se non lavori: muori; se scappi: muori. Cute, right?
Alla numero 2: Il Trono di Spade

Atmosfera un po' crudina quella del Trono di Spade che consiglio di vedere solo se non siete impressionabili. Il sunto della storia è la lotta tra casate di un regno immaginario per il Trono di Spade. Tradimenti, guerre, matrimoni, alleanze, e la consapevolezza che un nemico invincibile sta arrivando dal nord per uccidere tutti. A fare la ciliegina sulla torta è la magia e la presenza di creature leggendarie. Se sei un nobile rischi di finire male a causa delle continue lotte per la corona, se sei un cittadino comune rischi comunque di finire male a causa delle lotte per la corona.

Alla numero 1: Maze Runner

Ci mancava giusto qualche virus che rendesse degli zombie tutta la popolazione mondiale. Sunto without spoilers: dopo una serie di calamità naturali un virus infetta la maggior parte della popolazione mondiale facendola diventare zombie, emhh emhh volevo dire spaccati (capirai che differenza). Una nuova generazione di giovani sembrerebbe essere immune e quindi ad alcuni ragazzi viene cancellata la memoria e poi vengono inseriti in un progetto scientifico che consiste in un'arena circondata da un labirinto. Al di fuori la situazione la descriverei come un crossover clandestino con The Walking Dead.

E anche per oggi è tutto, al prossimo articolo, che tanto di idee nate mentre dovrei fare cose costruttive e utili per la società non scarseggio mica ;)
Illustrazione di Claudia e Gabriela