La bilancia
Caldo estremo e piccole foreste
04-06-2020 • Eco • di Ludovica Luvi F
Non è grave come sembra. O forse sì.

È passata un'altra settimana e siamo tornati con gli aggiornamenti sul clima! Questa è "La Bilancia" e qui leggerete una buona notizia e una cattiva notizia sulla crisi climatica. Iniziamo?

Quale volete per prima? Quella buona o quella cattiva?
CATTIVA NOTIZIA

A quanto pare negli Stati Uniti adesso il caldo uccide di più di disastri naturali come uragani, tornado e allagamenti.

Qui potete trovare un articolo che racconta di alcune storie di persone che sono morte per troppo calore, e la ricerca che è stata fatta mostra che la causa di questo sono stati i pochi fondi, la competenza limitata e la resistenza politica a un programma climatico che aveva come scopo aiutare le persone a far fronte a crisi di caldo estremo.
BUONA NOTIZIA

Basandosi sul lavoro di Akira Miyawaki, che ha piantato più di 1000 piccole foreste in Giappone e Malesia, adesso anche l'Europa ha adottato questo trend e si stanno piantando un sacco di boschetti come quelli ovunque.

Sul Guardian si legge che queste foreste "crescono 10 volte più velocemente e diventano 30 volte più folte e hanno 100 volte più biodiversità rispetto a quelle piantate seguendo metodi più tradizionali." E tutto questo ovviamente ha lo scopo di aiutare il pianeta!

Credits

Foto e Animazione di Radioimmaginaria