Raggia e Poison - L'intervista
05-03-2020 • Pop • di Sara S
Tra i corridoi della scuola dei nostri speaker di Cremona si parlava di Raggia e Poison, si narrava che hanno deciso di fare un pezzo insieme.... investighiamo un po' che dite?!?

Fra: "Ciao Ragazzi, benvenuti su Radioimmaginaria! Come va? Cominciamo con una presentazione, diteci un po' che tipi siete e qual è la vostra storia!"

Raggia: "Ciao a tutti ragazzi! Io sono Raggia, ho 19 anni e vivo in un paese di provincia tra Cremona e Mantova. Il mio primo lavoro ufficiale è #31# nato dalla collaborazione con True Aloe, traccia presente nell'album Vera. Precedentemente vi è stato un periodo di gavetta dove è stata fondamentale la figura di Poison che mi ha fatto conoscere la STORM ONE: etichetta e crew che farà parlare di sé, alla quale sono molto grato."


Poison: "Bella ragazzi! Io sono Poison, anche io ho 19 anni. Ho iniziato ad avvicinarmi alla musica da molto piccolo, già alle elementari mi pare. Poi verso i primi anni di adolescenza ho deciso di fare anche io questa roba. Inizio con le prime crew e i freestyle nei parchetti, come tutti. Dopodiché ho firmato un contratto con un'etichetta discografica indipendente, nel 2016 se non sbaglio, con la quale ho prodotto Get Out il mio primo EP. Successivamente sono entrato nella Storm One, dove sto attualmente lavorando con Raggia."


Didi: "Abbiamo ascoltato Tic Tac che è il vostro primo pezzo insieme, com'è nata la collaborazione tra voi e il pezzo?"

Poison: "Allora, il pezzo è nato ancora prima che Raggia entrasse nella Storm One. Avevo questo beat da paura prodotto da El Veterano, il nostro producer, e non appena ho sentito il mood ho capito che avere strofa e ritornello di Raggia era d'obbligo. Dopodiché non poteva che seguirne una collaborazione sia da parte mia che da parte della Storm One. Ora, infatti, stiamo lavorando a qualcosa di nuovo"

Didi: "Anche il videoclip è tosto! È stato facile idearlo e poi stare davanti a un obiettivo?"

Poison: "Realizzare il video non è stato difficile, abbiamo comunque chi ci segue e ci dà una mano. Il video è stato realizzato da Fvckvle, videomaker di Milano molto valido. Tra l'altro nel video sono presenti i nostri fratelli Milanesi della Effetto Otto (simba e worm) e Andrea che è sempre con noi e che ringraziamo. In ogni caso, stare davanti all'obbiettivo, è una parte fondamentale e noi vogliamo emergere e farci notare."


Gianluca: "Alla fine avete più o meno la mia età, com'è portare avanti una passione come la vostra con tutti gli impegni? Tipo mi sono chiesto, quanto tempo state in studio di solito?"


Raggia: "È una passione, e vorremmo anche che diventasse un lavoro un giorno. Inizialmente stare in studio era più uno svago, anche perché siamo cresciuti registrando con quello che avevamo a casa. Adesso abbiamo un approccio più professionale, in studio ci stiamo spesso e per diverse ore. Senza dubbio è difficile far combaciare scuola, musica e lavoro però lo facciamo e con molto piacere"



Gianluca: "Tornando al singolo a me ha incuriosito la frase 'Non dó tempo a chi dissa', vi è mai capitato di ricevere un dissing? E cosa avete risposto (o rispondereste)?"

Poison: "Penso che i dissing ormai non esistano più o almeno che siano inutili. Tranne qualche litigata da ragazzino non sono mai stato dissato. Tra l'altro non credo che mi metterò a dissare qualcuno almeno per ora, non c'è bisogno che dica io a quelli scarsi che sono scarsi."


Raggia: "Personalmente non ho mai ricevuto un dissing ma se dovesse succedere mi farebbe piacere, un po' di pubblicità non guasta mai. Scherzi a parte, ormai con i social basta poco per ricevere frecciatine, ma non è un problema mio, rispetterei un dissing se fatto con criterio e stile, ma non risponderei."

Fra: "Io ho notato la parte che dice 'Non mi va di credere ancora in noi', il pezzo parla anche un po' d'amore?"

Raggia: "Il tema dell'amore é presente, però quelle due barre non sono riferite all'amore ma a qualsiasi rapporto che va a perdersi col passare del tempo."


Didi: "Cito anche io una frase! 'ho tanti sogni si, ma poco tempo', quali altri sogni avete?"

Raggia: "Il mio sogno principale è quello di crearmi un futuro indipendentemente dalla musica, ma farlo con essa sarebbe perfetto. Oltre alla musica personalmente io con un team di amici e soci stiamo lavorando alla creazione di un marchio di abbigliamento, non mi dilungo. Ne sentirete parlare col tempo."


Didi: "E i prossimi progetti e appuntamenti con la musica quali sono?"

Poison: "Come abbiamo già detto stiamo lavorando ogni giorno per dare un seguito a "TIC-TAC" sia come Poison & Raggia che come solisti. Più che alla quantità di prodotti puntiamo alla qualità, vogliamo portare roba nuova e proporre diversi stili e sonorità.

Raggia: "Esatto, come già detto da Poison "TIC-TAC" avrà un seguito. Stiamo lavorando per creare un qualcosa che ci rappresenti individualmente e che crei un filo conduttore e di intesa tra noi due per far sì che le collaborazioni proseguano.
L'intento non è essere un fenomeno che duri un periodo per poi scomparire, ma lavorare con l'obbiettivo di rimanere nel tempo.Per rimanere aggiornati seguite le nostre pagine Instagram @darealraggia e @dareal_poison oppure la pagina della Storm One @storm1official. Ringraziamo Radioimmaginaria per l'intervista e per il supporto!"

Tutti: "Grazie a voi ragazzi, davvero forti, alla prossima!!"