LaMaglietta - L'Intervista
30-01-2020 • Pop • di Sara S
Salut

Vi presentiamoooo (rullo di tamburi) LaMaglietta!
Gaia: "Ciaooo! Come stai? Per cominciare dicci a parole tue che tipo sei!"

LaMaglietta: "Ciao a tutti e grazie per questa splendida occasione! Io sono Paolo il cantante e chitarrista della band Lamaglietta. Chi sono? Sicuramente tante cose. Mi piace molto la poesia, la fotografia e la musica"
Daniel: "Le prime cose che si notano ascoltando i tuoi pezzi sono i testi in francese, i suoni particolari e i video artistici. Come sei arrivato a mettere insieme tutte queste scelte?"

LaMaglietta: "È stata una cosa molto strana, tutto nasce nella mia stanza dopo un periodo vissuto in Francia. Le canzoni sono uscite da sole, non saprei spigarti come. Poi ho conosciuto Peppe che mi ha prodotto i primi provini, da quel momento diciamo che le canzoni hanno preso una piega diversa. Volevamo dare un tocco malinconico, ma di suoni particolari non ce ne sono molti oltre reverberi e delay, forse intendi i featuring fatti con gli Oribu! Beh, li c'è stato un lavoro diverso, ho conosciuto Paolo ed Edoardo lo stesso periodo in cui stavo registrando con Peppe. A loro piaceva molto l'idea di fare musica "Chillhop" in francese, quindi è nata questa amicizia. Ora Paolo degli Oribu fa parte di Lamaglietta e oltre allo stracitato Peppe con l'occasione saluto Raffaele, Davide!
Per l'aspetto dei video, come ho detto prima io amo molto la fotografia. Amo molto la fotografia su pellicola e volevo riportare questa mia visione del mondo anche con i clip. Quindi diciamo che non c'è stata una ricerca profonda, è tutto molto sincero"
Gaia: "Quali escamotage hai inventato per riprodurre gli stessi suoni anche live?"

LaMaglietta: "Nessuno, oltre ai muri di reverberi! E poi venitelo a scoprire il 31!"


Daniel: "Giusto perché il 31 suonerai all'evento di FFF Roma! Si può dire che sei un po' ambientalista? :P"

LaMaglietta: "Possiamo dirlo, so di non essere un perfetto ambientalista, ma nel mio piccolo ho cominciato a non buttare più le cicche di sigarette a terra, porto sempre con me un posacenere"
Gaia: "Cosa ti aspetti di suscitare in chi ascolta la tua musica?"

LaMaglietta: "Quello che spero ogni volta è di farli entrare nella loro comfort zone malinconica, nei ricordi. Credo sia una musica che addolcisce i muscoli (a volte) "


Daniel: "Prova ad immaginarti e a descriverci il tuo viaggio ideale!"

LaMaglietta
: "Sinceramente non riesco a immaginare un viaggio ideale. Amo molto l'inverno, e i paesi del nord Europa. Recentemente sto apprezzando tanto il mare, è affasciante. Una cosa che mi piacerebbe molto è suonare in Francia. Chissà..."
Gaia: "Stai lavorando a qualche nuovo progetto?"

LaMaglietta: "Allora da poco terminato il disco. Stiamo capendo come e quando farlo uscire, è una cosa molto importante sul quale puntiamo tanto, quindi questo è già tanto"


Tutti: "Non vediamo l'ora di sentirlo! Grazie per essere stato con noi, alla prossimaaaa"

LaMaglietta: "Grazie a voi ragazzi! "

Whoops..

Testo del messaggio