Lo Stato Sociale in posa mistica
09-04-2018 • Pop • di Sara
La rivista Rolling Stone dedica lo speciale di Aprile alla - cito testualmente - "nuova generazione della musica italiana". Corro in edicola ed è tutta una sorpresa, sia perchè è la mia prima copia materiale della rivista (di solito evito il cartaceo perchè inquina) sia perchè sfogliando riconosco cinque Regaz incontrati con RadioImmaginaria così tante volte che ormai mi sembrano dei nostri.

"Coloratissimi glitterati in posa mistica" scrive Albi su instagram per commentare le foto dell'articolo, e a vederli direi che si sono messi in tiro più che sul palco di Sanremo! Sono i ragazzi de Lo Stato Sociale e parlano proprio della partecipazione al Festival.
''Una vita in vacanza'' è stata la canzone che più di tutte ha dato anche a quella parte di adolescenti a cui non è mai interessato il Festival di Sanremo un motivo per seguirlo... diciamo anche per l'invidia che provavamo a vedere una nonnina di 83 anni molto più agile di noi che abbiamo la flessibilità delle sedie in legno scrauso che ci rifilano a scuola.
Immagine temporaneamente non disponibile
A distanza di due mesi la sentiamo ancora in loop, e dopo un po' diventa inevitabile chiedersi che cosa voglia effettivamente dire il testo.
Su Rolling Stone si trovano tante risposte ma non posso riportarvele tutte, però ci tengo a farvi sapere che i Regaz dicono che è un pezzo su cui si può ballare ma anche riflettere, magari "la comprensione non è immediata" ma si può "instaurare un dialogo'".
Leggo che Lodo dice che "le canzoni sono un buon cavallo di Troia"", e penso che dovrebbe capitarci più spesso di venire presi a sberle mentre siamo imbambolati davanti alla Tv (in senso figurato eh! con il sorriso, un pò come fa la mamma quando deve svegliarci la mattina... alzarsi dal letto è scomodo ma va fatto).

Siccome ''Una Vita in Vacanza'' se ascoltata con un pò di attenzione parla chiaro non vi dirò altro, ma qualche domanda potete farvela.

Quelle che sono venute in mente a noi le abbiamo poste direttamente ai Regaz e le trovate (con le risposte ovviamente) nell'intervista qui sotto ;)