L'ansia di fare il portiere
Essere un portiere è terribilmente ansioso
23-09-2021 • Pop • di Andrea
Al limite dell'area piccola, in piedi, mentre guardo il resto della squadra attaccare. La gomma dei guantoni profuma di buono e anche se per tutta la partita i miei compagni fanno il possibile per starmi lontano, io in mezzo ai pali sto da dio perchè quello è il mio posto e quando scendo in campo mi sento a prescindere meno solo. Ultimamente però mi sono reso conto che durante le partite ci sono momenti in cui la pressione del pubblico, dei compagni e del mister si fa sentire davvero molto. Ed è veramente una roba strana perché improvvisamente sento di non avere più certezze e mi viene anche il dubbio di non sapere più parare, o di non saper calciare la palla in avanti e tutti questi pensieri mi rendono davvero insicuro, come se da un mio errore potesse dipendere la felicità degli altri.
Sarà colpa della pandemia, dello stare chiusi in casa, sarà che dopo questo periodo siamo diventati insicuri anche nel fare le cose che amiamo di più, ma quando l'ansia ti prende è proprio una brutta roba e ci stai malissimo, come se a prescindere qualsiasi cosa che facessi non andasse bene. Ragionando però sul perchè amo il calcio mi sono reso conto che avere paura di sbagliare non serve proprio a nulla, anzi ti fa stare solo peggio. Gioca cavolo, sei lì per questo! Gioca e fregatene del resto, magari anche l'attaccante che ti trovi di fronte ha i tuoi stessi dubbi, i tuoi stessi timori. Poi se sbagli pazienza, è molto meglio vederla così che essere teso per 90 minuti e pregare che nessuno ti passi palla.
Che poi ogni tanto basterebbe solo po' più di autostima (effettivamente potrebbero metterla nelle borracce insieme ai sali minerali), un allenatore meno asfissiante o qualche tifoso più comprensivo ma sono convinto del fatto che il primo a convincerti devi essere proprio tu. In fondo ce la farai, ce l'hai sempre fatta, sei un portiere e la tua squadra ha bisogno di te! Rimettiti i guanti, corri in porta e spacca la partita come solo tu sai fare.