Com'è essere il più piccolo dello spogliatoio?

Ho iniziato kung fu ma hanno tutti l'età di mio padre
Pubblicato da Mattia il 28/01/2024 in Pop
Questo articolo è uscito anche sull'edizione nazionale del Corriere dello Sport - Stadio. Ogni martedì, esce una pagina speciale scritta interamente da noi, se hai anche tu qualche storia da raccontarci scrivici una mail a [email protected], non vediamo l'ora di parlarne!

Mi chiamo Mattia, ho 15 anni e faccio kung fu. Non so dirvi perché ho iniziato questo sport. Forse era l'unico che mi mancava. Ho fatto così tanti "primi allenamenti" nella mia vita che entrare in palestra per la prima volta non mi emozionava neanche più. Quel girono però è stato strano...

Quando sono entrato in spogliatoio mi sono accordo che tutti, TUTTI i miei compagni, erano più grandi di me. Alcuni soltanto di due o tre anni ma altri anche di dieci, venti, trenta!
Immaginate di dovere condividere lo spogliatoio con le mutande di vostro padre o con i calzini del vostro prof. di educazione fisica. Non vi imbarazzerebbe un po' come cosa?
figure che fanno mosse di kung fu
All'inizio essere il più piccolo della palestra mi ha fatto sentire nel posto sbagliato e ho pensato
che anche il kung fu sarebbe stato l'ennesimo sport iniziato e mai finito. Poi però, allenamento dopo allenamento, ho iniziato a sentirmi sempre più a mio agio e credo anche di avere anche finalmente imparato a relazionarmi con i miei compagni. Spesso ci fanno fare gli allenamenti a coppie e in quel momento, quando lotto con loro, è come se non avessimo neanche un'età. Di fronte al kung fu, diventiamo uguali.

Non credo che usciremo mai a prendere una pizza insieme, ma condividere questa piccola parte della mia vita con loro, è sufficiente per poterli considerare a tutti gli effetti miei amici. Ah, qualche settimana fa ho festeggiato ufficialmente un anno di kung fu e non ho ancora pensato di smettere! Non sarà tanto, ma per me è un record...
adolescenti
corriere
corrieredellosport
kungfu
noi
pop
spogliatoio
sport