Perché non riesco più a leggere?

Pubblicato da Luna S. il 19/01/2024 in Nerd
La mia relazione con la lettura è stata sempre altalenante, un continuo di alti e bassi senza fine. Da piccola ho sempre avuto una repulsione verso questa attività probabilmente instillata da mia madre (a cui chiedo scusa nel caso stesse leggendo, ma tranquilla non sarai l'unica citata in questo articolo) che mi incitava a leggere, con quel pizzico di costrizione tipico delle mamme.

Ci ho messo molto tempo (e una collezione intera di volumi delle Tea Sisters) per comprendere che i libri non solo erano ottimi soprammobili ma contenevano mondi intriganti che aspettavano di essere esplorati. La lettura è diventata un rifugio e un compagno costante. Ancora ricordo quando ricevetti dalla biblioteca il sesto libro di Harry Potter, che per la cronaca sono quasi 600 pagine, e me lo lessi in 3 giorni.
CORNICE CON LIBRI CEH FLUTTUANO
Oggi, nonostante il mio amore per la lettura non riesco più a leggere. Questo è crudelmente ironico dato che io dovrei scrivere secondo la mia bio: di saghe serie tv, fumetti e libri. Il fatto di prendere una storia in mano e dire "nah, oggi non mi va" è estremamente frustrante. Sicuramente la mancanza di tempo libero dovuta al fatto che sono ormai cresciuta è un fattore importante, ma sento che ci sia di più. In fin dei conti però, dopo un'intera giornata passata a studiare, l'ultima cosa che ho voglia di fare nelle pause è mettermi di nuovo su un libro.

La mancanza di un genere che mi appassioni potrebbe essere un motivo. Le letture decisamente non adatte a dei quattordicenni, obbligate dalla mia professoressa di italiano sotto minaccia di un'insufficienza sul registro, hanno lasciato un retrogusto amaro. Detestavo i suoi libri e quel poco che ho avuto modo di leggere è stato uno strascico dei gusti che avevo alle medie. Detto ciò non volterei mai le spalle a Harry Potter, Divergent, Percy Jackson e compagnia bella ma sento che è il momento di esplorare nuovi generi...
CORNICE CON LIBRI E BLOCCO NOTE
Infine purtroppo io sono pure capace di sviluppare sensi di colpa nei confronti di un libro in quanto quando uno non mi prende mi dispiace abbandonarlo e semplicemente non lo leggo ma facendo ciò rimango bloccata perchè non ne inizio uno nuovo, ma se non ne inizio uno nuovo non avrò mai voglia di finire questo, ma non posso abbandonarlo magari migliora... Avete visto? Overthinking anche per un pezzo di carta.

In conclusione, la mia relazione con la lettura è un viaggio altalenante ma spero il prima possibile di riuscire di nuovo a perdermi tra le pagine di un buon libro.
leggere
lettura
libri
nerd
saghe