Sinner mi ha fatto innamorare

Le ATP Finals mi hanno fatto innamorare del tennis!
Pubblicato da Marco R il 24/11/2023 in Pop
Questo articolo è uscito anche sull'edizione nazionale del Corriere dello Sport - Stadio. Ogni martedì, esce una pagina speciale scritta interamente da noi, se hai anche tu qualche storia da raccontarci scrivici una mail [email protected], non vediamo l'ora di parlarne!

Eh niente, se seguite lo sport o avete visto qualche tg questa settimana sapete già com'è andata a finire. Domenica scorsa, Jannik Sinner, un tennista italiano di 22 anni, ha perso la finale delle ATP Finals di Torino contro Novak Djokovic, il numero uno del mondo. Ma un articolo su Sinner avevo proprio voglia di scriverlo. Sono sempre stato uno che, quando si parla di sport, si innamora facilmente. Mi basta vedere sulla tv la bandierina dell'Italia per andare giù di testa. Capita spesso alle Olimpiadi, quando nel giro di due giorni divento esperto di kayak e tiro a segno. Stavolta però è stato diverso perché a farmi innamorare del tennis, è stato un ragazzo della mia età.

(Se vi siete persi la gara potete vedere gli highlights di TennisTv qui sotto!)
L'altro giorno un mio amico che fa tennis da quando è nato mi ha dato del tifoso occasionale. Quell'aggettivo, occasionale, mi ha colpito. Ci ho pensato tanto e finalmente ho capito... Si ok? Sono occasionale! Lo ammetto, prima di questa settimana non conoscevo Rune, faccio una fatica terribile a pronunciare i nomi di Tsitsipas e Medvedev e mi dà terribilmente fastidio che a tennis se fai un punto vale 15 ma visto che di Sinner stanno parlando tutti, ho deciso di faro anche io.
Da queste Finals ho capito che:

1 Questo Djokovic è troppo forte. Ogni volta che guardo una partita di tennis vince lui. Dopo la finale con Berrettini, anche stavolta contro Sinner... In pratica è stato progettato per distruggere i miei sogni.

2 Sinner è un fenomeno, non c'è niente da fare. Sullo scaffale della sua cameretta non ci sarà nessun nuovo trofeo (per ora) ma fare appassionare ad uno sport un Paese, una generazione, vale molto più di una coppa.

Jannik, mi sa tanto che con te non ci sarà bisogno di essere occasionali.
adolescenti
atpfinals
djokovic
finale
noi
pop
sinner
sport
tennis