Faenza

Diario di bordo di Oltralpe 2023 - Tappa 6
Pubblicato da Marco R il 29/08/2023 in Detective
DIARIO DI BORDO, SABATO 26 AGOSTO 2023

Oggi, per l'ultima tappa di OltrApe 2023, siamo stati a Faenza, in provincia di Ravenna, un'altra città simbolo dell'alluvione. L'alluvione non è ancora finita... Non per i ragazzi della Romagna. Per una settimana abbiamo girato a bordo della nostra ApeRadio, attraversando i paesi colpiti dall'alluvione, con l'obiettivo di farci raccontare da quanti più adolescenti possibili le loro storie e i loro sogni e questo tour è finito proprio qui, in una delle piazze più colpite, che a maggio, in quei giorni, era piena di camion dei vigili del fuoco e gommoni di salvataggio.
Prima di arrivare a Faenza però ci siamo fermati a Russi, dove abbiamo incontrato Filippo, uno dei trattoristi che durante l'alluvione ha deciso di mettere a disposizione il trattore con cui lavora per portare beni di prima necessità a gente che era rimasta isolata. Lui ha 19 anni, ha fatto la maturità a giugno ma già da un po' di tempo lavora insieme a suo padre nell'azienda di famiglia e appena l'acqua è arrivata non ha avuto dubbi. Ha messo in moto il trattore ed è partito. Gli adoelscenti durante l'alluvione in Romagna sono stati fondamentali e Filippo ne è la prova.

"Non mi dimeticherò mai il salvataggio che ho fatto a Prada, una frazione di Faenza" - ci ha raccontato - "mi avevano detto che c'era un disperso, non sapevo dove cercarlo e neanche dove poteva essere ma non potevo stare a casa. Quando sono arrivato sul posto l'ho trovato e insieme a lui c'era anche un'altra persona di cui nessuno sapeva niente". Se volete ascoltare cosa ci hanno detto i ragazzi che abbiamo incontrato in centro a Faenza sentite qui sotto!
I ragazzi di Radioimmaginaria a Faenza, durante il tour OltrApe 2023
Per ora il nostro viaggio si ferma qui. Qualche settimana fa, prima di organizzare il tour abbiamo mandato una lettera al Presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini che venerdì 8 settembre si è reso disponibile ad incontrare tutti i ragazzi alluvionati al Parco Urbano di Forlì. Ora i prati verdi del Parco Urbano sono pieni di fango e crepe ma quella sera rinasceremo a partire da lì. Sarà un giorno storico. Per la prima volta un Presidente è disposto ad ascoltarci.
Spesso sentiamo dire che chi ha il potere di cambiare le cose ha problemi più importanti da risolvere e che tanto alla politica le nostre idee non interessano. Stavolta però abbiamo un'occasione irripetibile e dobbiamo giocarcela. Se non ci crediamo abbastanza, poi non potremo più lamentarci.

È arrivato il momento di spargere la voce. Quella sera dobbiamo essere tantissimi. Centinaia di ragazzi, tutti con una storia diversa da raccontare, una nuova idea per immaginare un futuro ancora più bello. Se poi il Presidente non potrà realizzarle non fa niente, vuol dire che ci penseremo noi. Intanto però ci saremo fatti sentire. Noi ti aspettiamo. Dillo anche tu al presidente!
emiliaromagna
faenza
oltrape
oltrape2023
romagna