Cosa sta succedendo alle serie tv? 

Riassunto delle problematiche di Neflix in questo ultimo periodo
Pubblicato da Luna il 22/07/2022 in Nerd
Sono ormai mesi che le produzioni che gestiscono le serie tv stanno avendo parecchi problemi, specialmente il suo maggior colosso ovvero la piattaforma di Netflix. I più informati ormai potranno essere a conoscenza di questi fatti ma è giusto chiarire meglio la situazione in ogni caso.

La compagnia di Netflix sta letteralmente cadendo a picco manco il Titanic sin dall'inizio del 2022. Circa 2 milioni di abbonati hanno ritirato i loro abbonamenti probabilmente a favore di altre piattaforme emergenti quali Disney + o HBO Max. Il che ha portato diverse riduzioni del budget e licenziamenti sia ad attori ma specialmente a registi. Si calcola infatti che se un regista medio negli anni precedenti poteva percepire uno stipendio intorno ai 4 milioni di dollari ora viene pagato circa 750.000 dollari.
Ma noi non siamo qui per fare gli analisti e parlare di contabilità dell'azienda, siamo qui per capire le ragioni che stanno dietro a questi problemi. In quanto fangirl e grande appassionata di serie tv è già da un po' di tempo che però percepisco una strana strategia di marketing, oltre che commenti negativi un po' su tutti i social.

Il problema di Netflix risale all'inizio della pandemia quando milioni di persone si iscrivono settimana dopo settimana. Così si alzano gli abbonamenti (di circa 1.5/2 euro a persona). Ora che invece la gente è meno interessata alle serie tv (perchè appunto non è più relegata in casa) questo aumento non sta bene a tutti. Inoltre Netflix nell'ultimo anno si è impegnata in una campagna contro la condivisione degli account cosa che gli si è ritorta contro; perchè nel caso di due amici che condividono l'account invece di trovarsi 2 nuove iscrizioni si sono visti solo gli abbandoni di entrambi.
illustrazione di una ragazza sul letto guarda una serie alla tv
Illustration by Radioimmaginaria
Prima abbiamo accennato a nuovi abbonati e questo significa più soldi. Netflix ha deciso quindi nel corso del 2021 di investire per creare centinaia di nuovi titoli i quali probabilmente non riusciranno ad arrivare manco alla terza stagione. E per poterlo fare hanno cancellato altri titoli a cui i fan erano appassionati per fare "più spazio". E questo vuol dire sempre utenti scontenti che migrano verso altre piattaforme.

Ciò che effettivamente sta tenendo Netflix in piedi sono i grandi colossi nati pre-pandemia ovvero titoli come Stranger Things, The Umbrella Academy, Elite e vabbè non vado avanti perchè abbiamo capito. Quindi Netflix è destinata a scomparire come altri network tipo TheCW o HBO? La risposta è no infatti la compagnia è comunque quotata 200 milioni di dollari (Disney + si aggira intorno ai 100) ma ciò che è chiaro è che per Netflix sarebbe meglio se si facesse una retromarcia e sia ascoltassero maggiormente i clienti, perchè con così tanti concorrenti catturare l'attenzione dei fan non è più scontato.

Spero di avervi aiutato meglio a comprendere la situazione, ci sentiamo la settimana prossima con un nuovo articolo!
frittomisto
innovazione
nerd
nerdate
netflix
serietv